mercoledì 18 maggio 2011

Back Home

La mia vita negli ultimi mesi è stata un costante cambiamento...e continua ad esserlo...nonostante sia tornata alle origini.
La sensazione per me è sempre la stessa quando torno dopo un lungo viaggio.
Come se non fossi mai partita.
Non so perché, ma appena torno al punto di partenza ho la sensazione che la vita vissuta all'estero sia una realtà parallela, difficile da condividere con chi non ne faceva parte.
Sarà che non sono mai stata brava a raccontare le cose.
Eppure basterebbe così poco!C'è chi riesce a rendere interessante anche il semplice fatto di essere andati a fare la spesa...io non riesco a raccontare 10 mesi in Australia in una semplice conversazione. Eh si...era bella!
Come avrebbe detto la mia professoressa del liceo: ho il dono della sintesi!
Ora ho bisogno di un attimo per trovare il mio posto da questo lato del globo, mentre cerco anche di trovare un equilibrio tra Ale nel Regno di Oz e Ale nel Bel Paese..mi sa tanto che dovranno imparare a coesistere!
Non so ancora che ne sarà di questo blog, ma prima di prendere una qualunque decisione voglio lasciare traccia dei miei ultimi viaggi laggiù.



4 commenti:

Cavuccio ha detto...

se a voce non ti riesce scrivilo.

F ha detto...

Ciao!
No, non e' un tuo problema. E' che non si puo' spiegare una realta' tanto diversa a chi non l'ha vista. Ho passato gli stessi momenti, e dopo qualche tempo ho semplicemente deciso di non nominarla piu'!
Non e' possibile spiegare le mille voci dei mille stranieri con i quali si e' vissuto giornate che mai sarebbero potute accadere nella vecchia vita. Non e' possibile spiegare i cieli, le canzoni, le emozioni e le bellezze a chi magari non solo non c'e' mai stato, ma non ci andrebbe neanche! A chi al massimo concepisce e si vanta di 15gg al clubmed messicano.

No, credimi. Non servono neanche le foto.

Noeyalin ha detto...

Mi accodo al commento di Cavuccio: non è vero che non riesci a raccontare, questo blog ne è la prova e non c'è niente di meglio di quanto scritto sul momento e nel luogo, nel mondo parallelo che si sta vivendo. La sensazione di una profonda separazione tra il viaggio e casa, tra te e chi non c'era, mi è molto familiare. Ti auguro di trovare l'equilibrio tra qui e lì :-)

Anonimo ha detto...

Grazie F!
Grazie Noeyalin!

Ale

Posta un commento